.

.

venerdì 9 ottobre 2015

Le "MINNUZZE DI S.AGATA" .... ovvero i Seni di Vergine


5 Febbraio, si festeggia Sant’Agata, la patrona di Catania.
Si narra che la Fanciulla Agata, vissuta fra il III e IV secolo d.C.,
fosse divenuta oggetto di insana passione da parte del proconsole Quinziano il quale, dopo ripetuti tentativi di corruzione, minacce e lusinghe, non essendo riuscito a piegare la giovanetta, appena quindicenne, alle sue brame, le strappò i seni.
Una storia atroce e candida insieme, fatta di innocenza e turpi passioni, dove il Bene e il Male si scontrano, come Titani e dove vince il Bene, dove vincono gli “ideali”, nonostante il martirio della Fanciulla Agata.
Agata è l’emblema della determinazione, della Fede negli ideali. 
È un esempio da seguire da tutti coloro che non sono disposti a cedere ai compromessi e che credono talmente nei propri ideali da essere disposti a tutto pur di essere coerenti con essi.
I seni di una donna, il simbolo della femminilità, della maternità ma anche dell’erotismo, oggetto di desiderio ma anche fonte primordiale, per il neonato, di piacere e sopravvivenza.
Agata è l’Immagine della Donna, forte ma dolcissima, candida ma consapevole dei propri convincimenti e “le Minnuzze di S.Agata” rappresentano tutto questo .
E siccome siamo in Sicilia, ogni dramma, ogni racconto “cuntato”, anche drammatico, diventa festa, gioia, cibo e piacere come in questo caso: un involucro candido e perfetto, composto da una frolla “bianca” friabilissimo e fondente al gusto, ripieno di crema di ricotta profumata con la scorza d’arancia candita, la zuccata e la cioccolata, voluttuosa e inebriante, guarnita con la ciliegina rossa.

Piatto e vassoio Villa d'Este- Tivoli




Io ho utilizzato delle formine in alluminio ma, qualora abbiate delle difficoltà a reperirle, potrete usare anche gli stampi in silicone, le mezze sfere diametro 6 cm.Questi dolci possono anche essere farciti con una crema di latte bianca , sempre addizionata ai canditi e la cioccolata e la ricetta la trovate QUI'
E siccome mi piacciono le "contaminazioni" , ho abbinato a questi voluttuosi dolci un vino dolce Roner
Ritterhot - Rosenkavalier che esalta le peculiarità tutti i profumi !!



Ingredienti per 15 minnuzze:

Per la frolla bianca:

- 500 gr farina di grano tenero macinata a pietra tipo 0 Ruggeri
- 175 gr di strutto
- 175 gr di zucchero
- 1 tuorlo
- 5 gr di ammoniaca
- un pizzico di sale
- un pizzico di vanillina oppure i semi di un baccello di vaniglia
- 50 gr acqua fredda

Per la crema di ricotta:

- 500 gr di ricotta di pecora
- 150 gr di zucchero
- 150 gr di scorzette d'arancia candita tritata  home made e la ricetta la trovate QUI'
- 100 gr di zuccata tritata  F.lli Nuccio-Palermo
- 50 gr gocce di cioccolato fondente  F.lli Nuccio -Palermo

Per la glassa di zucchero e decorazione:

- 2 albumi
- 350 gr. di zucchero a velo  F.lli Nuccio- Palermo
- 1\2 limone spremuto
- ciliege candite F.lli Nuccio -Palermo

Procedimento per la frolla bianca:

- impastare tutti gli ingredienti in una planetaria aggiungendo l'acqua, poco alla volta
- deve risultare un impasto liscio e omogeneo, non troppo molle
- avvolgere l'impasto nella pellicola e mettere in frigo per 1\2 ora
- imburrare e infarinare le formine
- nel frattempo condire la ricotta con lo zucchero, i canditi e la vaniglia
- stendere la frolla  abbastanza sottile e con un coppapasta rotondo ritagliare dei dischi 
- foderare gli stampini, riempire per 2\3 di crema di ricotta e chiudere con un altro disco di frolla
- bucare il coperchio con i rebbi della forchetta
- infornare a 180 ° per 30 minuti
- sfornare e lasciare raffreddare bene, prima di sformare i dolcetti
- non preoccupatevi se, durante la cottura si gonfieranno e il coperchio di frolla si solleverà....dopo ritornerà a posto
- preparare la glassa mescolando gli albumi,lo zucchero a velo e il succo di limone con una frusta
- io ho messo gli ingredienti nel Bimby con la farfalla 1 min. vel 6
- qualora sia troppo fluida, aggiungere altro zucchero a velo
- ricoprire i dolcetti, poggiati su una gratella per fare scolare la glassa in eccesso
- qualora non sia abbastanza coprente, rivestirle nuovamente, di glassa
- aggiungere alla sommità mezza ciliegia candita e lasciare asciugare bene




















Con questa ricetta partecipo al programma di affiliazione:




 Con questa ricetta partecipo alla 6° Raccolta:  Sweet Love – La ragazza delle torte di La Cascata dei Sapori in collaborazione con AntoCrea.



46 commenti:

  1. Mi piace la tua ricetta, così ricca di profumi e sapori che amo moltissimo; mi piacciono le tue parole, perchè tutte quelle virtù le porti nel cuore e le onori sempre, amica mia. Tra una corsa e l'altra mi è impossibile evitare di venire qui.. quando passo da te sto bene e mi ritorna persino l'appetito: da amante delle frolle napoletane, questo ripieno mi mette l'acquolina. Adoro i dolci tradizionali e ho sempre più voglia di correre da te, per darti un abbraccio immenso!! <3 Ti voglio bene. :) p.s. dato che a me, così piccina e minuta, le 'minnuzze' sono sempre un po' mancate... (sigh).. mi consolo almeno con quelle dolci!! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ely carissima!!!!! ho consultato la mia sfera di cristallo e ho visto che...nonostante la distanza che ci separa...prima o poi le mangerai.....bacioni!!!!

      Elimina
  2. Brava Mimma, li devo provare a fare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie carissima!!!! ti garantisco la riuscita!!!! un abbraccio!!!!

      Elimina
  3. GRAZIE, GRAZIEEEEEEEEEEEEE per noi catanesi questo dolce è qualcosa di più di un semplice dolce.... ha dato la giusta luce a qualcosa a cui teniamo tanto, grazie ancora ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pietro!!!! mi commuovi!!!! detto da voi che siete catanesi e sapete cucinare è davvero un meraviglioso complimento!!!! un bacione per te e famiglia!!!!!

      Elimina
  4. Brava Mimma sono perfetti ogni volta mi fai sognare e tornare indietro con la mente a quando abitavo in Sicilia ...ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao carissima!!!! adesso puoi dare forma ad un sogno!!! prova a farle anche tu...sono facilissime!!!! un bacione!!

      Elimina
  5. Non li abbiamo mai mangiati ma questa è la volta buona per farlo. In bocca al lpo per il contest

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie carissime!!!!! sono ottime, si sciolgono in bocca!!!! aspetto di vedere la vostra interpretazione!! due baci!!!

      Elimina
  6. Che dire cara Mimma.....meravigliosi!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maria carrisima amica!!!! grazie, sono felice che ti piacciano!!! un bacione!!!!

      Elimina
  7. Che spettacolo,
    io le adoro... complimenti!
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonella!!!! le conosci???? questa ricetta è collaudata, le ho già preparate varie volte!!! prova anche tu!! un bacione!!!

      Elimina
  8. brava, brava, bravissima!!!! perfetta esecuzione... complimenti Mimma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie carissima!!!! mi emoziono leggendo i tuoi complimenti...grazie di cuore!!!!

      Elimina
  9. non conoscevo questi dolci tipici siciliani...grazie per la ricetta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene!!!! sono felice che ti piacciano!!! un bacione!!!!

      Elimina
  10. complimenti ti sono venuti perfetti!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alice!!!!! grazie...ho fatto del mio meglio!!!! le nostre tradizioni non si devono perdere!!! un bacione!!!!

      Elimina
  11. Senza parole Mimma, tutto perfetto dal racconto alla ricetta...... meraviglioso passo passo oltre che eccellenti "Minnuzze" che fanno venire voglia di mangiarne subito una. Ancora una volta ti ringrazio e ti inserisco subito - questa è SICILIA - Brava !!! Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Enza!!!! tu sei di parte....però è vero...ho messo il cuore in questa ricetta e sono felice che si veda.....baci!

      Elimina
  12. Che magnifici dolcetti! E che bella tradizione: il riscatto di una donna che ha saputo dire NO!
    Scusa la domanda: ma la zuccata cos'è? Qui non l'ho mai vista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Ornella!!!! la zuccata è la zucchina candita...un classico della pasticceria...la trovi nei supermercati e nei negozi di articoli per pasticceri!!!!

      Elimina
  13. Splendido connubio tra storia, tradizioni popolari e gusto!!! Non vedo l'ora di assaggiarli!!! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nadia carissima....vedo e prevedo che li assaggerai prestissimo!!!!! :)

      Elimina
  14. Una bellissima ricetta...riuscita ottimamente!!!
    Le ricette della tradizione hanno sempre un fascino particolare!!!
    A presto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!!! è vero....rielaborare i piatti tradizionali è un successo assicurato!!! un bacione!!

      Elimina
  15. Complimenti e grazie per la ricetta. Tutto spiegato nei minimi dettagli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Any!!! grazie!! un bacione!!!

      Elimina
  16. Mimma cara venire da te è come respirare la mia adorata sicilia :-)
    Brava anzi bravissima <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Giovanna!!!! grazie!!! faccio del mio meglio per non far dimenticare le nostre meravigliose tradizioni!!! un bacione!!!

      Elimina
  17. spettacolari i dolci siciliani!!!! E non solo quelli!!!! bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahah!!!! grazie!!! sei molto cara!!!!! un bacione!!

      Elimina
  18. Veramente deliziose, con i dolci siciliani si va sempre sul sicuro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e già!!! hai proprio ragione!!! un bacione!!!

      Elimina
  19. Mimma che lavoraccio!! Sai che queste me le ero già salvate? Mi sembra che le avevo viste sempre qui da te ... o mi sbaglio ... boh! Facciamo così: quando verrò a trovarti me le prepari, ok? Ci stai? Io ti porto un mio lievitato. :) Sei bravissima amica mia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Terryyyyyy!!! queste non le ho mai pubblicate...cosa ti sei copiata???? ok....quando vieni te le preparo!!! un bacione!!!!!

      Elimina
    2. Eh no, allora non era qui da te che le avevo viste, ero convinta!! Un abbraccio cara Mimma.

      Elimina
  20. bellissima e curiosa ricetta eseguita a regola d'arte, grazie di cuore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciaoooo!!!! eseguita col cuore....grazie e un bacione!!!!

      Elimina
  21. Il prossimi contest che organizzerò metterò come regola aggiuntiva... l'invio del campione omaggio al mio indirizzo per assaggiare il dolce ! Ne no sentito molto parlare di questo dolce e conoscevo la tradizione/leggenda ma non l'ho mai gustato. Mi piacerebbe tantissimo mangiarlo perchè mi dà l'idea di essere davvero strepitoso. Grazie mille per la partecipazione ! inserisco in elenco; per favore dovresti inserire il banner anche nella home page, grazie !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahah!!!! mi sembra una regola GIUSTA!!!!!!

      il banner l'ho messo nella pagina dei contest...trovi l'indicatore sulla barra a destra....CONTEST AI QUALI PARTECIPO!!!

      Elimina
  22. Grandioso questo post !!!! Sono bellissimi i seni di agata !!!! Chissa' che buoni !!!
    Ti seguo sempre !! A Presto !

    RispondiElimina
  23. Mooolto buoni e particolare sono veramente invitanti li gusterei volentieri magari uno solo anche non potendo. Grazie conservo la ricetta ugualmente. Buona serata.

    RispondiElimina

Grazie per essere passati di quì!!!
I vostri messaggi mi fanno molto piacere perchè mi aiutano a migliorare !!!